Sei un creativo? Un designer? ...Scopri come risparmiare sulla prossima stampa

DECO: vi racconto come è nata “Inkspinster”

State cercando uno spazio in cui incontrare virtualmente i vostri beniamini del web? “Fuori dal coro” è stato pensato proprio per permettere a professionisti delle arti visive e creative, del food, del fashion e del make up di raccontarsi ai propri follower e di parlare delle passioni che coltivano. I lettori possono trovare queste interessanti interviste in WE, il blog di Stampaprint che propone anche utili articoli per la gestione e la promozione delle imprese. Stampaprint. net è infatti leader nel settore della stampa online di articoli pubblicitari come manifesti, striscioni, volantini, cartoline e inviti, biglietti da visita, pieghevoli, eccetera.
Oggi ospitiamo DECO: bravissima illustratrice e cartoonist italiana. Oltre alla comic strip Inkspinster, pubblicata su Smemoranda (e della quale è finora uscita una raccolta nel 2008), collabora con la rivista Messaggero dei Ragazzi e realizza illustrazioni per libri e riviste per bambini / ragazzi. DECO ci racconterà di come è nata la sua passione per il disegno e di come questo suo interesse sia diventato una professione.

Come è nata la sua passione per il disegno? Quando ha capito che il suo grande interesse si sarebbe potuto trasformare in vera e propria professione?
Disegnare è stata un’abitudine fin dall’infanzia, che ho trascorso imbrattando di pastrocchi tutte le superfici della casa dei miei nonni. Sono anche stata educata a divertirmi con il disegno da mia mamma, che mi incoraggiava e mi regalava spesso colori e matite. Ho poi sempre avuto il pallino, crescendo, di ri-raccontare sotto forma di brevi storie disegnate (piccole comic strip) le cose che succedevano a me e ai miei amici e conoscenti. Era come un esercizio per tirare fuori il lato buffo delle cose. Nel 2001 ho creato un piccolo sito web con il quale ho cercato di far conoscere un po’ le mie strip pubblicandole anche su altri siti che si occupavano di fumetto; ho conosciuto molti altri disegnatori e appassionati, e questo mi ha fatto decidere di dedicarmi al disegno, sia con fumetti che con illustrazioni destinate a pubblicazioni per l’infanzia.

Come è iniziato il suo percorso da disegnatrice? Quali sono le fonti d’ispirazione quando disegna delle strisce?
Ho cominciato con le strisce il mio percorso, e le comic strip sono -insieme alle vignette, che in seguito ho cominciato a disegnare per una rivista per ragazzi e per alcune agende- l’unico genere di fumetto da me mai praticato. Prima di Inkspinster non avevo pubblicato nulla. L’ispirazione mi arriva dalle cose che conosco e vivo tutti i giorni; l’idea per una striscia può venire da una battuta che qualcuno ha fatto in mia presenza, da una frase letta in un libro, da una pubblicità vista alla televisione, o da un avvenimento… parto da lì, e fantasticando su questo spunto sviluppo una “storiella” composta da un certo numero di vignette, di solito 6 o 8. Non sempre “fanno ridere”, a volte sono solo curiose o un po’ assurde… ma mi diverte sempre disegnarle.

“Inkspinster” rappresenta un po’ la svolta per la sua carriera. Ci racconti di come hai dato alla luce questa “comic strip”? Ci descrivi un po’ il mondo di Inkspinster?
Inkspinster non rappresenta una svolta, ma l’inizio del mio percorso nel mondo dei disegni. Ho cominciato per gioco questa specie di “diario a strisce” fatto di piccole storie quotidiane o riflessioni sull’assurdità del mondo che mi circonda; le disegnavo e le tenevo per me, al massimo le mostravo agli amici. Poi a un certo punto ho provato a condividerle in rete… Internet è stato una preziosa vetrina ed uno strumento senza il quale probabilmente le mie strip sarebbero rimaste in un cassetto. Inkspinster è “la zitella d’inchiostro”, abita insieme all’amato gatto e a due amici, Fil e Martha. Si innamora spesso e sempre di personaggi che non la ricambiano (un apatico agente di polizia che la detesta, un falegname narcisista che di notte si improvvisa rockstar maledetta). A volte interagisce con personaggi famosi che senza preavviso bussano alla sua porta. Altre volte bisticcia con gli animali – di solito teneri coniglietti e ciniche papere – che popolano la campagna in cui vive. E’ brava a cucinare il tacchino al cioccolato ma non vi darà mai la ricetta, perché è segreta. E’ stata fidanzata con Bill Gates (ma non ditelo a nessuno).

Dalle vignette alle strisce…il prossimo passo sarà un libro? Quali sono i progetti futuri?
Per quanto riguarda l’illustrazione ho alcuni progetti nel cassetto che vorrei terminare di realizzare per poi proporli a qualche editore… e per le strip, sarebbe bello pubblicare una nuova raccolta di Inkspinster nel prossimo futuro!

Arianna

Arianna

Social Media Manager at Stampaprint srl
Arianna è laureata in Lingue Straniere per il Commercio Internazionale. Attualmente è Social Media Manager presso Stampaprint.net, azienda leader europeo nel settore del web to print che si occupa di volantini, insegne e striscioni, ma anche cover per smartphone e tshirt. Cura inoltre la sezione del blog dedicata alle interviste di professionisti delle arti visive e creative.
Arianna

Rispondi o commenta

IL tuo indirizzo email non sarà pubblicato